Il Liceo Benedetto da Norcia vince il secondo premio nel concorso “Parole di Scienza”

Nel momento delicato che stiamo attraversando, le buone notizie ogni tanto arrivano e danno slancio e positività, anche quando è difficile trovarne. La buona notizia è lo splendido secondo premio ottenuto da uno studente del nostro Istituto, Gabriele Amati, IIIAc, nell’edizione 2019/2020 del concorso “Parole di scienza”. Il concorso, bandito nell’ottobre dell’anno scorso dall’associazione “Vele di carta” e dall’agenzia editoriale Seprom, proponeva ai partecipanti di trasformare in atto narrativo principi scientifici come DNA, buchi neri, bioetica, inquinamento, creando racconti di fantasia ispirati a frasi suggerite dal bando. Un’idea stimolante e originale, che Gabriele Amati ha sviluppato in modo assolutamente personale ed efficace nel suo racconto “Desensibilizzazione ambientale”, stravolgendo in maniera ironica e graffiante tutte le opinioni comuni sull’inquinamento e sulla difesa dell’ambiente. Altrettanto indovinati l’ambientazione, vagamente distopica, e i personaggi, sapientemente caratterizzati nel pur breve spazio del racconto. La narrazione, godibilissima e ricca di riferimenti culturali che spaziano dalla musica al cinema, merita pienamente il premio messo in palio, consistente in un buono Amazon del valore di 50 €, targa ricordo e tre libri di narrativa. Il racconto sarà inoltre incluso in un volume speciale comprendente le opere dei 15 racconti finalisti.

Ci complimentiamo vivamente col geniale vincitore ed esortiamo tutti gli alunni del liceo amanti della scrittura a partecipare ai concorsi letterari. Scrivere è un atto di resilienza, di fiducia in noi stessi e negli altri; ci aiuta a padroneggiare le nostre emozioni, a costruire quel futuro migliore di cui abbiamo tanto bisogno. 

In bocca al lupo ai futuri concorrenti!